Breaking News

3/breakingnews/recent

MepLaw: la Law Firm italiana per l’eccellenza del Made in Italy nel mondo

Nessun commento
ROMA, 11 giugno 2019 (MERCURPRESS.IT) - A differenza di altri paesi, come ad esempio gli Stati Uniti, in Italia sono pochi gli studi legali che vantano una visione della professione “manageriale”, tale da consentire loro di poter ampliare il proprio campo di azione oltre i confini nazionali. Tra le poche eccezioni, figura MepLaw, Law Firm 100% italiana che è riuscita a proiettarsi con successo all’estero.

Lo Studio nasce nel 1987 per iniziativa dell’Avvocato Luigi Maggesi. Nel 2009 il figlio, Avvocato Fabio Maggesi, esperto di diritto internazionale e del web, inizia a dare una nuova veste alla Law firm. Dopo varie collaborazioni professionali nel panorama europeo decide di aprire la sede di Londra con l’Avvocato Lorenzo Macchi, già esperto in Common Law e diritto marittimo. A seguire acquisisce il primo studio extra Ue, in Izmir – Turchia.

Lo studio MepLaw oggi ha dunque sedi in Roma, Londra e Smirne, e può contare su circa 30 Italian Desk nel mondo, in cui opera almeno un avvocato che parla perfettamente la lingua italiana. Grazie a questa consolidata realtà lo studio rappresenta un importante sostegno per i numerosi italiani residenti all’estero, il cui numero è sempre crescente. Solo nel Regno Unito, si contano circa 700 mila connazionali, il numero potrebbe essere maggiore se si considerano tutti coloro che non si sono mai registrati all’anagrafe estera.

“Quello del made in Italy è un Business Model che funziona” – Ha dichiarato l’Avvocato Fabio Maggesi – Il nostro modus operandi ci ha permesso non solo di ottenere un posizionamento specifico rispetto agli altri studi, ma anche di diventare un punto di riferimento per i nostri connazionali che vivono nel Regno Unito, in Turchia o in paesi vicini, che spesso si trovano a dover fare i conti con un sistema normativo diverso, reso ancor meno comprensibile dalle barriere linguistiche.”

Altro punto di forza dello Studio, è la continua analisi dei mutamenti del contesto economico e sociale, sia locale che globale, in particolare in relazione al web e alle nuove tecnologie.

“Abbiamo un dipartimento che si occupa specificatamente di Web e Nuove tecnologie. – Prosegue l’Avvocato. – Il diritto non riesce a stare al passo delle mutazioni, per questo abbiamo preso la decisione di dedicare un team che segua costantemente gli sviluppi di tali materie. Già le ADR (Alternative Dispute Resolution), la contrattualistica telematica, il Trading, la Blockchain, la Moneta Elettronica ed il Betting Online permettono infinite operazioni che fino a pochi anni fa non erano nemmeno immaginabili, e costruire un business online con i nuovi strumenti giuridici esistenti sarà più agevole per noi esperti in materia”.

Tra gli obiettivi a breve termine dello studio, c’è quello di aprire due nuovi uffici: negli Emirati Arabi ed in Usa. Nel 2020, quindi, partirà una campagna di recruitment presso le sedi attuali (2 a Roma, 1 a Londra ed 1 a Smirne) che oggi contano circa 20 professionisti tra Partners ed Associati, che saranno impiegati nelle nuove strutture di Dubai e Miami (città in cui lo studio è già presente con Italian Desk). Contestualmente, è stata avviata una campagna di promozione del Brand Italiano a livello globale, al fine di instaurare partnership strategiche con Law Firm locali già strutturate nei diversi continenti, così da poter aumentare gli Italian Desk ed accrescere i servizi legali anche dove MepLaw non è ancora presente con una sede fisica.

Nessun commento

Posta un commento

Contatta la Redazione

Nome

Email *

Messaggio *